Opere e impianti comuni

Le facciate dell’intero stabile saranno oggetto di un accurato restauro volto alla loro valorizzazione.
Sul fronte prospiciente via Tarino verrà operato un attento recupero delle caratteristiche storiche preesistenti ed introdotte, come arricchimento, decorazioni accuratamente studiate e sviluppate nello stile dell’epoca sia del fabbricato stesso che di quelli adiacenti.

 

Per tutelare la conservazione del patrimonio edilizio e la valorizzazione degli scenari fisici della Città, la tinteggiatura della facciata esterna verrà eseguita nel pieno rispetto del Piano del Colore della Città di Torino.

 

Le coperture saranno soggette ad un accurato controllo con conseguente sostituzione delle parti ammalorate e restauro dei comignoli.
Esclusivamente per la copertura soprastante il corpo di fabbrica posto a fondo cortile verrà eseguita un’opera di manutenzione straordinaria, volta ad una miglioria termica ed estetica.

Il piano interrato dello stabile è rappresentato da caratteristiche volte e pareti in mattoni a vista.  I locali ricavati da tali ambienti saranno adibiti ad uso cantine di pertinenza delle unità immobiliari residenziali.

All’interno del cortile verrà realizzata una nuova pavimentazione a lastre spaccate di pietra. La progettazione prevede l’inserimento di alcune zone verdi integrate con essenze arboree atte a creare un “filtro” tra la vivace Vanchiglia e la residenza.

 

Verrà inoltre realizzata una pavimentazione sopraelevata rispetto al piano di camminamento, in corrispondenza delle finestre private delle unità immobiliari.

All’interno dei vani scala e dell’androne verranno eseguite opere di decorazione di pareti e soffitti. Verranno riportate al loro antico splendore le ringhiere in ferro, a cui verranno aggiunti nuovi mancorrenti in legno naturale.

 

Le pavimentazioni ed i gradini esistenti in pietra verranno recuperati, ove possibile, mediante accurata pulitura e lucidatura.
La pavimentazione dei pianerottoli di piano e dei pianerottoli intermedi di nuova fattura sarà realizzata con piastrelle di graniglia in marmo colorato o in cementine a disegno geometrico.

 

All’interno dei due vani scala esistenti verranno inseriti i vani ascensore di impronta volutamente moderna i quali, realizzati in acciaio e vetro, collegheranno tutti i piani fuori terra.

I serramenti relativi ai vani scala saranno caratterizzati da scansione e materiali differenti da tutti i serramenti presenti nello stabile. La tipologia prevista è di impronta moderna, caratterizzata da struttura in metallo verniciato e vetro di sicurezza stratificato. La volontà è quella di dare maggiore carattere alle facciate interno cortile ed al contempo sottolinearne le aree di collegamento verticale.

 

L’attuale portone in legno su strada verrà accuratamente restaurato nella sua interezza e dotato di nuova serratura elettrica, con idonei collegamenti all’impianto videocitofonico e chiudiporta automatico.

Lo studio impiantistico, curato nei dettagli e nel rispetto delle normative vigenti, prevede il rifacimento a nuovo di:
-reti fognarie ed idriche;
-reti di distribuzione del gas;
-linee elettriche, citofoniche e telefoniche;
-impianto Tv satellitare e digitale terrestre;
-impianto di riscaldamento a tipologia centralizzata con contabilizzazione individuale, fornito da caldaia a condensazione.

Opere e impianti delle unità immobiliari

Le pareti ed i soffitti delle unità immobiliari verranno finiti ad intonaco civile.

Alcune unità immobiliari si svilupperanno su due livelli, si tratta della tipologia di appartamento definita duplex. Per tali unità abitative verrà realizzata una scala per il collegamento interno con struttura in ferro, mancorrente e ringhiera in abbinamento e gradini in legno massello finitura a legno naturale.

I rivestimenti dei bagni e delle cucine saranno realizzati con piastrelle di ceramica di prima scelta posate in modo ortogonale. I rivestimenti della cucina verranno posati con fascia su parete attrezzata di cm 80 ed eventuale risvolto di cm 60; i rivestimenti del bagno verranno posati ad altezza 120 cm ad eccezione del vano doccia/vasca che sarà ad altezza 200 cm.

 

I rivestimenti saranno forniti dalla Ditta Fornengo, Lungo Dora Napoli 86/A, Torino, Tel. 011.2446811, Ref. Mauro Biancato, presso la cui sede, la gentile clientela potrà prenderne visione.

I pavimenti di soggiorni, bagni, cucine, corridoi e disimpegni saranno realizzati con piastrelle di gres porcellanato di prima scelta posate su idoneo sottofondo in modo ortogonale rispetto le murature interne.

 

I pavimenti delle camere da letto saranno realizzati con listoni/listelli di parquet in Rovere anch’essi posati su idoneo sottofondo in modo ortogonale.
I battiscopa saranno abbinati alla tipologia di pavimentazione scelta.

 

Le pavimentazioni ed i battiscopa saranno forniti dalla Ditta Fornengo, Lungo Dora Napoli 86/A, Torino, Tel. 011.2446811, Ref. Mauro Biancato, presso la cui sede, la gentile clientela potrà prenderne visione.

I serramenti esterni esistenti  verranno completamente rimossi e sostituiti con nuovi serramenti  in legno lamellare verniciato, completi di persiane in legno in stile piemontese.
I nuovi serramenti, con  tamponamento in vetrocamera, saranno realizzati su misura per via Tarino 9 ed il loro disegno verrà creato riproponendo la scansione delle traversine esistenti.
Il risultato sarà quello di prospetti dalla bellezza antica con prestazioni moderne.

 

Per i serramenti interni il capitolato prevede la fornitura di porte in legno tamburato da laccare dell’azienda Bertolotto, una scelta tutta made in Italy.

 

I portoncini di ingresso saranno tutti dotati di blindatura. Le caratteristiche estetiche saranno di impronta fortemente moderna.

Gli impianti elettrici di nuova fattura, realizzati per le singole unità abitative, rispetteranno la vigente normativa CEI 64-8 V3 e verranno realizzati secondo i requisiti del Livello 1.

 

L’impianto idrico sanitario verrà studiato e realizzato sul taglio dell’appartamento. Le aziende Globo e Paffoni, marchi italiani di qualità, forniranno da capitolato i sanitari e le rubinetterie.

 

Il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria, centralizzati a contabilizzazione individuale, verranno forniti mediante caldaia a condensazione. La distribuzione del riscaldamento avverrà mediante radiatori.